domenica 30 gennaio 2011

Yattaman

di Takashi Miike, con Shō Sakurai, Saki Fukuda, Chiaki Takahashi, Giappone, 2009



Ganchan e la sua ragazza Janet sono gli Yattaman, due supereroi che proteggono il mondo dai loro acerrimi nemici: la banda Drombo, composta dalla bellissima Miss Dronio e dai suoi brutti e impacciati seguaci Boyakki e Tonzula. L’occasione per una nuova battaglia si presenta quando la giovane Shoko chiede aiuto agli Yattaman per ritrovare il padre scomparso in Ogitto mentre cercava i quattro frammenti della potente pietra Dokrostone. Questi quattro frammenti, se si ricomporranno, potrebbero portare alla distruzione del mondo intero.
Yattaman – il film è firmato da Takashi Miike, famoso per il suo cinema horror, violento e fortemente splatter, ma non solo, che stavolta si dedica ad una pellicola per l’infanzia. Infatti Yattaman è ispirato all’omonima serie animata degli anni Settanta e ne riproduce fedelmente la trama. Oltre all’intreccio, uguali sono i personaggi, il loro modo di vestire, le loro espressioni e per chi conosce la serie animati non saranno una novità. Mettere in pellicola un cartone non è mai facile, però il regista ci riesce perfettamente e per gli amanti del genere questo è un film assolutamente imperdibile. Ma anche per coloro che non conoscono il genere o il famoso cartone animato, il film risulta comunque gradevole e particolare. Coinvolgente l’atmosfera, tipica degli anime giapponesi, che si lascia ammirare per tutta la durata del film, amabili i personaggi che sembrano le caricature di se stessi che con le loro battute sagaci e i puntuali sbagli finiscono sempre nei guai. Una storia che racconta la lotta eterna tra il Bene e il Male, che mette in evidenza i buoni e i cattivi, ma con i cattivi che poi sono dei gran simpaticoni e sono sicuramente le macchiette di tutta la pellicola. L’happy ending regala la speranza che sia sempre il Bene a trionfare, che esistano i supereroi pronti ad aiutare il prossimo e che i cattivi sono costretti a ritirarsi perché inadatti alla vita da duri.

3/5

Pubblicata su cinema4stelle

9 commenti:

  1. Ho visto il trailer, ma non mi ispira granchè: sono troppo affezionato al cartone, e Miike mi sembra più adatto alle splatterate, che non a film più leggeri! :)

    RispondiElimina
  2. @MrFord: il cartone non lo conoscevo, ma ho visto un po' di video ed è ripreso in modo uguale, tipo i personaggi che sono identici. Del regista, poi, non ho visto nulla :( Mi consigli qualcosa?

    @Ivan: c'è stata un'anteprima mymovies giovedì sera. Ora lo trovi qua: http://film-stream.tv/2011/01/yattaman/
    Si vede e si sente benissimo!! :D

    RispondiElimina
  3. Non ho mai visto niente di Miike, forse però dovrei iniziare dalle "splatterate" di cui parla Ford. Comunque neanch'io conoscevo il cartone.

    RispondiElimina
  4. Vorrei chiedere a rossana ed a ottimista: come avete a non vedere Yattaman da piccoli????

    Si il film è quasi identico, tranne che per alcune questioni riguardanti la natura del cattivo dokrobei... io direi che una visione la meriti tutta questo film....

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo nemmeno la sigla iniziale. :D

    RispondiElimina
  6. Non so che dirti...è una profonda lacuna!!!??
    Ma dove lo passavano???
    Perdonami ma ero fissata con Sailor Moon (e mò l'ho detto) :PPP

    RispondiElimina
  7. ahah... io lo guardavo sulle reti locali, quindi può darsi che da te non lo dessero...
    pensa che io alle elementari ero fissato con i power rangers...

    RispondiElimina
  8. Ivan, lascia stare che i Power Rangers erano i miei preferiti!!! Non ne perdevo mai neanche una puntata!XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...